Lavoro

I meriti di questo contributo sono diversi e riguardano il piano della riflessività sociologica, quello della declinazione normativa (legislativa ma anche contrattuale) e quello empirico-esperienziale così come emerge soprattutto dalle pratiche di work-life balance. Il primo di questi meriti consiste peraltro nell’attraversare il velo di oscuramento che in qualche misura ha segnato in questi anni il rapporto tra famiglia e lavoro nelle sue implicazioni analitiche e nelle ricadute sulle politiche pubbliche.(dalla Prefazione di Michele Colasanto)
Le prospettive occupazionali dei dottori di ricerca si misurano sulla capacità di trovare alternative alle tradizionali carriere accademiche in particolare nel segmento delle aziende innovative e nei laboratori di ricerca industriale delle grandi imprese. Un primo obbiettivo di questa ricerca è quello di verificare in quale modo lo scenario internazionale e le politiche europee di ricerca hanno innescato buone pratiche nei Dottorati di Ricerca italiani in vista anche di una loro necessaria internazionalizzazione. Un secondo obbiettivo è quello di verificare esperienze e buone pratiche di Dottorato di Ricerca orientati all'innovazione tecnologica e alla ricerca scientifica nelle imprese industriali hi-tech.
Proposte per una nuova politica
Con la crisi, il peggioramento delle condizioni dei giovani nel mercato del lavoro in Italia è stato forte e il tasso di occupazione è sceso di oltre 5 punti, ben più della media europea. Una ricerca curata da C.dell'Arringa e T. Treu offre una nuova proposta politica.

Copyright ©2001-2011 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail