Le relazioni tra la Russia di Putin e la Santa Sede

Le relazioni tra la Russia di Putin e la Santa Sede

Le relazioni tra la Santa Sede e la Russia risalgono alla fine del Medioevo quando nel 1474 arriva a Roma Simeon Tolbusin in qualità di ambasciatore del Principato di Moscovia presso il papa. Nei secoli successivi i rapporti diplomatici continuano, ma senza missioni stabili che invece iniziano nel 1802 per durare fino al 1917. Quella presso il Vaticano è una sede diplomatica prestigiosa tanto che ben quattro ambasciatori e un primo segretario di ambasciata diventano successivamente ministro degli esteri dell’Impero Zarista. Con la Rivoluzione d’Ottobre le relazioni tra Vaticano e Unione Sovietica s’interrompono per riprendere il 15 marzo 1990 con Michail Gorbacev, il terzo leader comunista, dopo quelli di Polonia e Ungheria, a prendere la decisione in tal senso. Oggi i rapporti tra Santa Sede e Federazione Russa non sono “pieni” in quanto le relazioni sono mantenute da rappresentanti con lo status di ambasciatori.

Presente nella rivista N: 
2/2008 - Anno XX - Aprile/Giugno
Autore: 
Fausto Fasciani

Copyright ©2001-2011 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail