Le due Americhe

Le due Americhe

Continua a soffiare il gonfalone del Latino America: mode culturali e cambi politici non scalfiscono l’interesse per un subcontinente salito alla ribalta, negli ultimi decenni, come laboratorio di teorie e pratiche sociali. Da un punto di vista scientifico sembrano lontani i tempi in cui l’indimenticato Gino Germani introduceva anche alla latitudini italiane, purtroppo quasi inascoltato, riflessioni – ancora oggi attualissime – sulla stratificazione sociale nel Latino America in transizione verso la modernizzazione. Per quanto concerne la teoria politica, invece, progressive similitudini tra il contesto latinoamericano e quello europeo – solo superficialmente riconducibili al mero fenomeno ‘populismo’ – suggeriscono l’opportunità di potenziare i riflettori investigativi su quello che, all’epoca, fu impropriamente definito ‘Nuovo Mondo’. Sotto quale punto di vista? La scelta è complessa, in quanto il dibattito è ampio e articolato, ne consegue che il presente contributo abbia scelto la dicotomia più semplice possibile: il Latino America delle istituzioni e dei governi – con il corredo di appuntamenti elettorali e di cambiamenti politici – vs il Latino America delle classi subalterne e delle mobilitazioni collettive, con l’interessante valore aggiunto della novità di movimenti sociali che si discostano dalle “vecchie” tipologie.

Presente nella rivista N: 
4/2017 - Anno XXIX - Ottobre/Dicembre

Copyright ©2001-2011 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail