Editoriale

Editoriale

Da secoli quella del Mar Nero è un’area che riveste una grande importanza strategica. Vero e proprio crocevia tra Europa e Asia, tale area è caratterizzata da profonde divisioni storiche e politiche, da aspre rivalità tra gli Stati che si affacciano sulle sue coste e tra questi e le potenze straniere che di volta in volta hanno tentato di controllare le risorse naturali ed energetiche e le vie di navigazione della regione. In un momento storico in cui l’attenzione nei confronti delle risorse energetiche si fa sempre più alta, la Rivista di Studi Politici ha deciso pertanto di dedicare il proprio Focus alla complessa regione del Mar Nero. Nel suo saggio Teresa Caterino ne traccia un quadro storico e politico, ripercorrendo la complessa e ricca storia della regione. Nel suo lavoro l’Autrice non manca di porre questioni di estrema attualità, affrontando il tema del futuro della regione, la quale “(…) può diventare un ponte tra area geostrategica occidentale, a conduzione statunitense, e area eurasiatica incentrata sulla potenza russa; oppure, diventare una grande area di frattura nel sistema internazionale, contraddistinta da conflitti regionali peggiorati dall’ingerenza di grandi potenze esterne”. Al centro del lavoro di Monica del Vecchio vi è invece la questione della cooperazione regionale nell’area del Mar Nero che “(…) s’inserisce in un contesto geografico segnato da un’accentuata frammentazione delle relazioni fra gli Stati e risente altresì della debolezza storica del regionalismo asiatico”.

Presente nella rivista N: 
3/2013 - Anno XXV - Luglio/Settembre
Autore: 
Antonio Iodice

Copyright ©2001-2011 Istituto di studi politici "S.Pio V"  -  Webmail